Cultura e Turismo

Belpasso, la Città delle 100 Sculture


Un investimento in arte e cultura per un progetto ambizioso: fare di Belpasso la capitale internazionale della scultura in pietra lavica, grande risorsa del nostro territorio. Un percorso già iniziato grazie all’organizzazione di ben 3 simposi internazionali di scultura che hanno regalato a Belpasso oltre 30 statue di pietra lavica, scolpite da artisti di fama internazionale e dai migliori allievi delle Accademie delle Belle Arti d’Europa: alla fine del progetto, Belpasso avrà un itinerario unico nel suo genere, che si snoderà all’interno del Centro storico. Il percorso scultoreo è già in parte realizzato con numerose scultore già collocate negli spazi urbani e chiunque può ammirarle percorrendo le vie principali. A partire dal 2017 sono iniziate le visite guidate da parte di scolaresche e gruppi di visitatori che ammirano le sculture, i musei, la via letteraria dedicata a Martoglio e le altre risorse che la città offre.

Per saperne di più:


Etna e Belpasso, un legame indissolubile


SCUOLA SCI

Istituita in località Piano Vetore, in collaborazione con i maestri federali,  la prima Scuola Italiana Sci Etna-Belpasso per la pratica della bellissima disciplina dello Sci nordico è oggi una realtà viva e motore dello sviluppo del turismo ambientale e sportivo belpassese.

CASA MANFRÈ

Il 3.7.2017 è stato aperto al pubblico il Rifugio di Monte Manfrè, che si trova sull’Etna, in territorio di Belpasso, a poche centinaia di metri da Piano Bottara (piazzale La Nuova Quercia), proseguendo lungo la Sp 92. Il Rifugio montano, di proprietà del Comune di Belpasso, è stato recentemente ristrutturato dall’ente attraverso un progetto finanziato dall’Unione Europea e portato avanti in partnership con il Parco dell’Etna. La gestione è stata recentemente affidata dal Comune, in seguito a bando pubblico, all’associazione Etna Experience, presieduta da Emilio Sciacca. La struttura dispone di sale accoglienza su due piani, arredate e attrezzate, idonee per pranzi e pernottamenti. L’area circostante, totalmente immersa nel bosco, permette pic-nic,  barbecue, attività sportive all’aperto e dispone di ampi parcheggi. Il sito è raggiunto anche dai sentieri del Cai e rappresenta il primo, vero presidio di Belpasso sull’Etna, che con questa moderna e accogliente struttura messa a disposizione di turisti, visitatori ed escursionisti, pone una base significativa e importante nel territorio del Vulcano, ponendo così fine alle “distrazioni” degli anni passati rispetto a questa preziosa risorsa naturalistica e di potenziale sviluppo economico. Il Rifugio Manfrè, tra l’altro, è stato inserito anche nel calendario del "Festival delle Alpi e montagne italiane", unico rifugio siciliano presente nel programma dell'evento nazionale.

IL MARCHIO “ETNA” SUGLI EVENTI E LE MANIFESTAZIONI DI BELPASSO

In questi anni abbiamo finanziato e supportato manifestazioni ed eventi organizzatI a Belpasso ma che portassero anche il nome dell’Etna. Tra esse: “La 3 giorni dal Garda all’Etna di corsa Sempre” (raduno di bersaglieri); il “Festival internazionale corale in..canto sull’Etna”; Il “Giro dell’Etna” (Gara ciclistica), la “Festa da muntagna”; il “Torneo internazionale Etna Sud” (Calcio), il “Basketall camp Etna”, il salotto culturale “Vino e genti dell’Etna” presso la casa Russo Giusti.

PERCORSO CAI

L’Amministrazione ha finanziato il progetto elaborato dall’associazione CAI di Belpasso per realizzazione del sentiero naturalistico n. 786. Un itinerario di eccezionale bellezza che dal centro di Belpasso porta a Casa Manfrè.


Tradizioni culturali, teatro e natura


MUSEO ETNOANTROPOLOGICO "VENERANDO BRUNO"

Museo “Bruno”.

Il 12 dicembre 2016 è stato inaugurato il Museo Etnoantropologico "Venerando Bruno", ospitato nei locali della Casa del Lampionario. Vi sono esposti  330 reperti della civiltà agricola belpassese e strumenti di lavoro domestico appartenuti al compianto studioso di archeologia Venerando Bruno, che ha trascorso l’intera sua esistenza tra appassionate ricerche.
Per saperne di più:


LABORATORI ARTIGIANALI PER I CARRI DI S. LUCIA

Il 22.11.2017 sono stati inaugurati tre nuovi laboratori artigianali realizzati dal Comune e destinati all'allestimento dei  tradizionali Carri allegorici di Santa Lucia. Le nuove costruzioni sono sorte su un terreno di proprietà comunale, sito alle spalle dell’Isola ecologica, lungo la Strada provinciale Belpasso-Camporotondo. I tre laboratori artigianali, costati 329.000 euro, sono stati affidati con un appalto integrato che ha previsto sia la progettazione che l’esecuzione dei lavori. Ad aggiudicarsi la gara, il 14 settembre 2016, un’associazione temporanea di imprese con capofila la Roma Srl di Catania, amministrata da Roberto Di Giunta. La posa della prima pietra in cantiere era avvenuta il 5 dicembre 2016. Gli edifici, capannoni artigianali idonei a ospitare i carri-rimorchio sia durante le varie fasi di lavorazione e montaggio, tra ottobre e dicembre, che per il ricovero e le manutenzioni negli altri periodi dell’anno, sono dotati di impianti elettrici, idrici, portoni automatici, lampade di emergenza, segnalazioni antincendio e impianto fotovoltaico che li rende autonomi dal punto di vista energetico, servizi igienici con acqua calda e vani-spogliatoio. I laboratori ospiteranno le maestranze dei quartieri Purgatorio, San Rocco e Borrello, che fino ad oggi non disponevano di locali adeguati per la realizzazione dei rispettivi carri allegorici.

I Carri di Santa Lucia tra i beni immateriali della Regione Siciliana
I Carri di Santa Lucia sono stati inseriti nella Lista dei ​​Beni immateriali della Regione Siciliana: la decisione è stata comunicata alla Fondazione dei Carri di Santa Lucia, cui il Comune di Belpasso appartiene come socio fondatore, dal direttore del Centro regionale per l’inventario, la catalogazione e la documentazione dell’Assessorato regionale ai Beni Culturali, Caterina Greco.

I​l Registro delle Eredità Immateriali della Sicilia è il catalogo delle espressioni della cultura immateriale della Sicilia, che la Regione ha inserito in un elenco, per sottolineare l'importanza che esse hanno per la cultura e tradizione siciliana. Le eredità immateriali rappresentano antiche tradizioni, ma anche soggetti viventi, che spesso non hanno sempre una codificazione "scritta" ma sono tramandate anche oralmente nel corso delle generazioni.

 ESTERNALIZZAZIONE DEL TEATRO COMUNALE

Così come scritto nel cronoprogramma elettorale, è stata effettuata l’esternalizzazione del Teatro comunale, affidata alla società Videobank Spa: grazie a questo atto il Comune è stato esonerato dagli enormi costi di gestione del passato e si è reso un servizio di maggior qualità alle compagnie teatrali ed ai fruitori della struttura. Le tariffe per le compagni storiche belpassesi sono rimaste uguali ed il Comune ha mantenuto a propria disposizione 20 giornate per organizzare le proprie iniziative.


LE SALINELLE DI SAN BIAGIO RICONOSCIUTE COME GEOSITO

Attraverso un attento lavoro della commissione tecnico-scientifica dei geositi, le Salinelle di San Biagio sono state riconosciute come sito di interesse geologico di importanza mondiale: si tratta di un primo passo per una reale valorizzazione di questo sito unico nel suo genere.


L'OFFENSIVA CULTURALE

Nel 2017, a maggio, è stata lanciata l' “Offensiva Culturale”, un festival con dieci giorni ricchi di appuntamenti legati all’arte, al teatro, all’artigianato, ai libri, alla musica, all’archeologia, che si si sono svolti in alcune location del centro storico, tra le quali il Palazzo Bufali, la via XV traversa per l’occasione arredata in chiave contemporanea, il Polo museale Casa Russo Giusti - Casa del Lampionario. Un esperimento positivo, con un'offerta culturale di qualità, varia e ricca, rivolta a vari generi di pubblico. Per l'occasione sono stati riscoperti molti spazi di Belpasso, sfruttati al meglio e riempiti di senso culturale in modo che possano porsi in una chiave di fruizione per i cittadini e per i circuiti turistici. Un altro passo di un percorso di valorizzazione del patrimonio attraverso iniziative culturali di spessore.