Economia e Sviluppo

Le politiche di sviluppo economico condotte dal sindaco Caputo a Belpasso

RIMBORSI PER PARTECIPAZIONI A FIERE

Così come previsto dal cronoprogramma elettorale, sono stati assegnati voucher e rimborsi spesa in favore delle imprese belpassesi che hanno partecipato a ere na- zionali ed internazionali.

CONCORSO “SPENDI IN CITTÀ”

Come da cronoprogramma elettorale, abbiamo dato vita alla iniziativa “spendi in città e vinci”: due concorsi, con viaggi-premio nelle capitali europee, banditi per invitare i cittadini belpassesi (e non solo) a spendere e consumare nel centro-città.

FARE IMPRESA SUI TERRENI AGRICOLI COMUNALI

Sempre in base al cronoprogramma, è stato emesso un avviso pubblico per la con- cessione, in comodato d’uso gratuito, dei terreni agricoli comunali in disuso a favore di giovani imprenditori belpassesi del settore agricolo. I numerosi progetti presentati sono in corso di valutazione.

AZIONE LEGALE CONTRO IMU AGRICOLA

Il Comune di Belpasso, capo la di un folto raggruppamento di Comuni, è riuscito a far valere le proprie ragioni contro l’introduzione dell’Imu agricola da parte del Governo nazionale: l’istanza è stata accolta e il giudizio de nitivo è stato rimesso alla Corte Costituzionale.

PIANO TAVOLA: UN POLO PRODUTTIVO DI ECCELLENZA

Attraverso un protocollo d’intesa siglato tra il Comune e il Consorzio Etneo Attività Produttive (Ceap) che riunisce le imprese della Zona Industriale di Piano Tavola, na- scerà una partnership pubblico-privato per migliorare i servizi, dalle manutenzioni stradali alla pubblica illuminazione, e predisporre politiche di sviluppo per creare un Polo di eccellenza in grado di affrontare le s de della nuova rivoluzione industriale.

SICUREZZA E DECORO NELLA ZONA INDUSTRIALE

Per scoraggiare il perpetrarsi di episodi criminali ai danni delle aziende e dei comparti produttivi e l’abbandono indiscriminato dei rifuti lungo le strade, è stato installato un capillare sistema di telecamere nei punti strategici della Zona Industriale: un esperienza positiva che ha fatto sì che anche la via Prima Strada Industriale, da sempre sede di discariche a cielo aperto, sia tornata ad essere una strada dignitosa e percorribile.